STORIA

 

L’impresa nasce nei primi anni del 900 come impresa edile artigiana a cura di Pietro Secchi e del fratello. Tra i lavori di maggior rilievo, oltre alla costruzione di ville private, vi furono opere idrauliche lungo le sponde del fiume Po per conto del Genio Civile e interventi di demolizione degli edifici a Cremona in Piazza Cavour, attuale piazza Stradivari.

Nel corso dei primi anni ’50 si inseriscono nella ditta di famiglia i due figli di Pietro ed il  27 luglio 1953 nasce, l’Impresa edile f.lli Secchi che ha la sua sede legale in Cavatigozzi (Cr) e precisamente in Via Milano n°46. Sede legale che rimarrà tale sino al 1997, per ben 44 anni . Socio fondatore dell’impresa è Costantino Secchi.

 

Le capacità imprenditoriali di Costantino Secchi e la passione per questo lavoro, portano la ditta ad un notevole sviluppo economico con la costruzione di numerosi edifici pubblici e la realizzazione di nuove fognature sia a Cremona (via Sesto) che nei paesi della provincia (Spinadesco e Sesto Cremonese).

 

Nel 1957 con l’iscrizione al Collegio Imprese Edili ed Affini della Provincia di Cremona (attuale ANCE Cremona), al n°221 della (nuova) “Impresa Edile Secchi Costantino”, la ditta passa dal settore edile artigiano al contratto edilizia industria ed ha all’attivo oltre 40 dipendenti.

 

Dal 18 ottobre 1962 viene modificata in “società in nome collettivo”, con capitale sociale di lire 700.000- ed numero di iscrizione al Registro delle Ditte e Società della C.C.I.A.A. di Cremona n°54083. Oggetto sociale : costruzioni edili in genere. Soci : Costantino Secchi (nato a Cremona il 05.08.1925) cui spettavano poteri di ordinaria, straordinaria amministrazione, rappresentanza e firma sociale; e Luigi Secchi (nato a Cremona il 16.03.1929). Principale attività: appalti pubblici.

 

Citiamo solo alcune opere a partire dagli anni 60:

- realizzazione rete fognaria di Cremona (Via Sesto) e nei Comuni di Spinadesco e Sesto Cremonese (1963) ; oltre ad numerosi interventi idraulici e di regimentazione sia in città che in provincia.

- restauro facciata esterna Tribunale di Cremona (1964)

- ristrutturazione della “Cavallerizza di Crema” (1965).

- case dei contadini a Sesto Cremonese ed a Paderno Ponchielli (1966)

- copertura del Cavo Cerca a Cremona (1967-68)

- restauro abside ex basilica di S. Lorenzo Cremona (anni 70)

- nuovo Mulino a Zibello (Pr) silos di contenimento (1967-68)

- restauro facciate Museo Civico di Cremona Ugolani Dati (1967-68)

 

Collegio imprese edili di Cremona
Visita a Torino alla esposizione "Italia 61"

 

Nel corso degli anni ’70 l’attività prosegue solo con la presenza del titolare Costantino Secchi, che il 13 maggio 1978 riceve dal Collegio Imprese Edili ed affini della provincia di Cremona, l’Attestazione di Benemerenza e l’assegnazione della medaglia d’oro per anzianità in edilizia.

La tipologia dei lavori si differenzia tra opere in conto proprio e opere pubbliche : edilizia civile, residenziale, sportiva, scolastica, lavori di fognatura ed , a partire dal 1974, i primi lavori di restauro per la “Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Cremona, Brescia, Mantova” che vedono l’intervento di restauro della Impresa Secchi Costantino in diverse chiese cremonesi e non.

 

Sempre in questi anni il titolare Costantino Secchi assume alcune cariche associative nel Collegio Imprese Edile della provincia di Cremona, per tre mandati Consigliere, viene incaricato come Tesoriere del Collegio e successivamente come Consigliere e tesoriere della Scuola Edile Cremonese di cui apprezza il lavoro formativo svolto a favore dei giovani muratori. Più volte incaricato dal Collegio Imprese Edili come componente nella commissione d’esame dei giovani alunni della Scuola Edile. Infine Sindaco Revisore negli anni ’90 della medesima associazione.

Nel corso degli anni ‘80 viene aumentato l’organico tecnico ed amministrativo della ditta che raggiunge le quattro unità con la presenza tecnica del genero geom. Galli Gianpaolo e circa 27 operai.  E’ del 1987 il cambio della sede legale negli attuali uffici di Via Milano n°29/b, sempre a Cavatigozzi, in una residenza ottocentesca restaurata dall’Impresa Secchi, appartenuta alla famiglia dei Cavalcabò.

E’ del 1991 il conferimento della ditta nella attuale società a responsabilità limitata che vede l’inserimento nella attività amministrativa, legale e tecnica di una delle tre figlie, l’arch. Laura Maria Secchi , direttore tecnico a partire dal 1994.

L’interesse per la vita associativa nell’ambito del Collegio Imprese Edili di Cremona, ereditato dal padre, porta Laura Secchi ad iscriversi al Gruppo Giovani Imprenditori Edili nel 1988, dove per alcuni anni avrà l’incarico di Vice-presidente del gruppo e successivamente di Presidente , entrando a far parte di diritto nel Gruppo Giovani Ance Lombardia e nel Gruppo Giovani Edili presso l’ANCE nazionale a Roma.

 

Collegio imprese edili di Cremona
Visita a Torino alla esposizione "Italia 61"

Nel 1999,  Laura Secchi verrà eletta membro effettivo del Consiglio Direttivo del Collegio Edili e nominata Presidente della Scuola Edile Cremonese, incarico che manterrà per 13 anni. Consigliere della Cassa Edile Cremona e del Cpt, nonché responsabile della Commissione Sindacale Ance Cremona si occuperà del rinnovo dei Contratti Integrativi provinciali edilizia industria dal 1999 ad oggi e partecipa al rinnovo dei CCNL . Nel gennaio 2008 Laura Secchi assume l’incarico di Direttore di Ance Cremona.

L’improvvisa scomparsa del fondatore Costantino Secchi il 01 marzo 2000, lascia un vuoto profondo nei familiari ed in chi ha collaborato con lui per tanti anni.

L’azienda assume un nuovo assetto “giovane” che trae le proprie radici nelle esperienze del passato, come si può desumere dall’organigramma. La società è attualmente gestita da Gabriele Romani (marito di Laura Secchi – socio) e da Gianpaolo Galli (marito di Tania Secchi – socio).

 

Premiazione delle imprese anziane
e benemerite 13/05/78

Consiglio direttivo del collegio imprese
edili ed affini della provincia di Cremona 1974

Consegna di attestati di qualificazione esecuzione
lavori pubblici - SOA - Arch. Laura SECCHI 17/10/2001